Payoff

Tecnologia adottata

CLOUD.BLOX
Payoff sviluppa il proprio software utilizzando un framework proprietario denominato CLOUD.BLOX : ciò per rendere lo sviluppo software molto più veloce e redditizio mantenendo una elevato standard di qualità.

Tutti i prodotti Payoff sono nativamente “full cloud”, adatti a carichi di lavoro di tipo Enterprise , pronti per l’utilizzo “mobile” e possono operare con qualsiasi lingua. La base dati può utilizzare MS SQL o ORACLE , il sorgente utilizza tecniche NO SQL e i dati sono georeferenziati.

Agile è la metodologia adottata per gestire le attività. di sviluppo software.

CLOUD.BLOX: una conversione al full cloud con tempi e costi eccezionali

  • - Il software sviluppato e di proprietà di Payoff adotta la tecnologia Microsoft .NET Core 2 e l’architettura “microservices”; è un software con caratteristiche di alta scalabilità, è indipendente dai Vendor Cloud ed è quindi migrabile su richiesta. L’ingegnerizzazione del software implementa una divisione funzionale e di processo tra i vari layer applicativi (web, app, store) e il disegno architetturale include anche l’utilizzo di Storage Event Store con Pattern CQRS (Command Query Responsibility Segregation).
  • - Alcune delle tecnologie utilizzate sono: Redis, ElasticSearch, Kafka, Keycloak, WebSocket, HTML 5, JSON & XML, Ajax.
  • - I paradigmi utilizzati nelle applicazioni sono: RESTful, SPA con responsive design.
CLOUD..BLOX comprende un ambiente di autotest e quindi il software sviluppato ad ogni rilascio è controllato tramite circa 15000 controlli automatici sulle funzionalità applicative ; lato performances sottopone il software a carichi transazionali dell’ordine delle decine di migliaia di transazioni al secondo.
CLOUD.BLOX fornisce dei “bulding block“ autoconsistenti e ricchi di funzioni (elencati di seguito) per lo sviluppo di nuove applicazioni; fornisce test di qualità automatici; genera codice full cloud con prestazioni a livello enterprise.

  • - Virtualizzazione/disaccoppiamento della GUI o Interfaccia utente 
  • - wording maschere
  • - Accesso al data base mediante un linguaggio franco (il codice è DB independent)
  • - Word processor “word like” con output in format HTML
  • - Editor Grafico 2D / 3 D integrato con le funzioni amministrative; utilizza Mappe vettoriali geo-referenziate, è interfacciabile con CAD esterni dove esegue import ed export di layer in formato DWG
  • - Document Management con funzioni di protocollazione e document tracking mediante codice a barre; workflow management system, basato su Windows Workflow, ma con sviluppi software originali eseguiti da Payoff (ad esempio editor WEB di tipo grafico del flow/iter del processo)
  • - Search engine, basato su librerie open source (Elastic Search) e sviluppi software originali 
  • - Funzioni ETL, basate su algoritmi di intelligenza artificiale open source con sviluppi software originali eseguiti da Payoff
  • - sistema di Instant messaging real-time, per comunicazione interna esterna tra gli utilizzatori
  • - due soluzioni di gestione del Single Sign-on, sia come Provider che come Relay
  • - “match making” engine.
Tutto il software applicativo Payoff è progettato con un approccio alla programmazione “domain driven “ ; questo tipo di programmazione porto ad ottenere software più adatto all’impiego in ambiente “enterprise” ; il dominio è l’entità base dell’applicativo e la sua persistenza può essere gestita con una base dati relazionale di riferimento (strategica) , ma non unica , in quanto l’applicativo non ne è dipendente. Il modello rappresenta un’astrazione dei processi che è “tal quale” la realtà operativa; la business logic del software, i processi , i servizi sono sviluppati su “layer” software tra di loro indipendenti.

Gli applicativi Payoff implementano la storicizzazione dei dati , il tracciamento delle variazioni dei campi e del profilo utente che le ha eseguite; le dash board operatore si modificano dinamicamente a seconda del profilo utente o della sezione applicativa e ciò determina diversificati livelli di visibilità sulla banca dati; la base dati può essere criptata ; l’accesso ai dati, per profilo utente , è sofisticata ; sono disponibili di base due soluzioni di gestione del Single Sign-on, sia come Provider che come Relay.

Le basi dati utilizzate da Payoff sono geo-localizzate e dotate di interfaccia verso Google Maps .

Un apposito layer software rende il software disaccoppiato dal device su cui è utilizzato e dalla dimensione del relativo display.
tutti i prodotti Payoff sono dotati di evolute funzioni di document management & workflow system . I documenti digitali possono derivare da scansioni o sono prodotti con un apposito (embedded) “generatore di documenti” nei formati standard (ms windows , HTML5 , pdf , jpeg , dwg); comprendono il codice di protocollo e un QR Code per il fast tracking & retrieval: un documento può essere inviato tramite il client di posta elettronica (embedded) o stampato sottoscritto ed inviato per posta ordinaria; l’operatore legge con la pistola laser il codice a barre e il software richiama in automatico a video la pratica.
È gestito il “versioning” del documento e la storicizzazione delle modifiche e del profilo operatore che le ha eseguite. L’archivio documentale è organizzato a cartelle , con una grafica del tutto simile alla rappresentazione del file system di windows; la ricerca di un documento avviene tramite filtri dinamici e/o tramite il motore di ricerca .
Il grafico seguente rappresenta l’iter workflow ; il click del mouse su un punto di lavorazione visualizza la lista dei documenti giacenti e gli operatori che li hanno in carico.

workflow_WYSIWYG

Payoff S.r.l. - P.IVA 04001750282